Il ritorno dei Tacchi a Spillo

Posted by on Ott 25, 2017 in Blog, Le Vintagerie

I tacchi, sempre più alti, “Non devono conquistare l’uomo, devono vincerlo”, ha dichiarato Valerie Steele in un’intervista. Ecco che nell’era del femminismo ritornano di moda i tacchi a spillo, ed ecco perché. Nel ventunesimo secolo torna di tendenza il tacco a spillo non come strumento di seduzione per l’altro sesso, bensì come simbolo di bellezza e potere.

Si può dire che l’invenzione delle scarpe con il tacco risale all’epoca di Caterina de Medici e alla corte del Re Sole, ma dove nasce il tacco a spillo come lo intendiamo oggi? Esistono due scuole di pensiero, c’è chi sostiene che sia stato inventato proprio in Italia, nel 1953 a Vigevano, con la collaborazione di Ferragamo, tra gli altri, ma accreditato come primo designer del tacco a spillo, è anche lo stilista francese Roger Vivier, il quale, grazie all’inserimento di un’asta d’acciaio realizzò scarpe con tacco molto appuntito. Vivier dal 1953 si occupò della direzione della linea scarpe Christian Dior, il quale nel 1947 aveva lanciato una collezione dal carattere rivoluzionario, che sarebbe stata ribattezzata New Look, ingredienti fondamentali: vitino da vespa, gonna a corolle e scarpe a punta dal tacco sottilissimo!

combo 1

 

A contribuire alla diffusione del fenomeno fu anche il mito di Marylin Monroe che nei film quali ‘Quando la moglie è in vacanza‘ o ‘Gli uomini preferiscono le bionde‘, tanto per citarne un paio, sfoggia sensualissimi stiletto, divenendo l’icona della donna anni ’50, rigorosamente in tacco a spillo, dalla casalinga bon ton alla pin up. Ed era proprio Marylin che affermava ‘Io non so chi abbia inventato i tacchi alti ma tutte le donne devono loro molto’.

combo 2

Con gli anni 60’ e 70’ e l’avanzare del movimento di emancipazione femminile lo stereotipo della donna anni 50’ viene messo da parte insieme al tacco a spillo, considerato quasi simbolo di una ‘donna oggetto’ e, perciò, di sottomissione, per tornare in gran voga solo negli anni ’80, portando con sé tutta un’altra concezione del look femminile. In questi anni si diffonde la tendenza del power dress look, di cui il grande Giorgio Armani sarà uno degli autori e, con il suo stile rigoroso e sobrio,  permetterà alle donne in carriera di farsi strada a colpi di vertiginosi tacchi a spillo.Questo accattivante mitico accessorio rimane nella mente di molti, soprattutto degli uomini, un feticcio. Sarà il celebre fotografo di moda Helmut Newton che nei suoi scatti intrisi di voyerismo, feticismo ed erotismo, ritrae una donna protagonista e prevaricatrice nei confronti del maschio, affermando che “Anche svestita,con i tacchi a spillo una donna non è mai nuda”.

combo 3

Oggi le tendenze si esprimono nelle sfilate, sui red carpet e negli street-styles. Dalle ever green Loubutin con la suola rossa, alle Manolo Blahnik di Carrie Bradshaw, alle décolletées nude o color cipria da usare come jolly, alle Rockstud di Valentino, grande successo delle calzature, ai sandali ‘nudist’ firmati Stuart Weitzman, fino alle ultimissime novità che hanno sfilato sulle passerelle delle recenti sfilate di Milano e Parigi e alle più economiche calzature Zara.

combo 4

Le celebrities più alla moda non rinunciano mai al tacco a spillo, sia sui red carpet che nella vita quotidiana e perché no, anche per prendere parte a una partita di Cricket come Kate Middelton.

combo 5

 

 

E, per chi ama il vintage, se ne possono ancora trovare di meravigliosi esemplari d.o.c., dal gusto retrò e di pura femminilità!

Combo 6

Martina Bozzini

Sharing is caring!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *