Blog

Ago14

Storia della lingerie

A ogni epoca il suo underwear, a ogni civiltà la sua sottoveste. Scopriamo in un viaggio nel tempo cosa si celava nel cassetto della lingerie delle donne, dalle epoche più remote a oggi.

Le prime tracce di biancheria intima risalgono all’ antico Egitto, quando le donne aristocratiche indossavano sottovesti sotto i propri indumenti. Più tardi a Roma, invece, mentre gli uomini preferivano non portare nulla sotto la tunica, le donne contenevano i seni dentro un mammillare, ovvero una fascia di pelle, antenato illustre del moderno reggiseno. A quei tempi per l’attività sportiva oltre che il petto, c’era l’ uso di fasciarsi le parti basse, il supparum e il subligaculum erano pezzi di lino passati tra le cosce e fasciati intorno alla vita anche dalle donne.

Quelli del Medioevo potrebbero essere stati secoli bui anche per le mutande, eppure, resta curioso il caso di un altro capo di intimo: la giarrettiera. Nel 1374, infatti, Edoardo III d’Inghilterra fondò stranamente un nobilissimo ordine intitolato proprio al laccetto che stringeva le calze sulle cosce tanto degli uomini che delle donne. Secondo fonti non accreditate, il più antico ed eccezionalmente esclusivo ordine cavalleresco del Regno Unito prenderebbe il nome da un episodio che vede protagonista lo stesso sovrano: al solo fine di aiutare a indossarla di nuovo, Edoardo raccolse la giarrettiera della contessa Giovanna di Kent, per accidente scivolatale dalla gamba nel corso di un ballo. «Vituperato sia chi ne pensa male», gridò poi per mettere a tacere bisbigli e gridolini che si erano sollevati nella sala. Comunque sia andata, la giarrettiera sormonta il famoso stemma dell’ordine e queste parole costituiscono il motto inciso sul blasone.

Untitled design (35)

Le mutande, invece, sono frutto della mente ingegnosa e pragmatica di Caterina de’ Medici che le indossava per proteggere l’intimità durante le passeggiate a cavallo. Presto diventano un accessorio di lusso con ricami, laccetti e pietre prima che la Chiesa ne proibisca l’utilizzo.

Quel bellissimo strumento di tortura che passa sotto il nome di bustino arriva invece nel guardaroba femminile intorno al 1600. Si tratta di un corsetto costruito con stecche di balena e chiuso da ganci che serviva per modellare il punto vita fino a farlo diventare il più piccolo e affusolato possibile. Nei secoli, si registreranno addirittura morti per soffocamento per l’utilizzo estremo di questo accessorio intimo.

Untitled design (25)

Tornando ai mutandoni, questi ripresero ad essere indossati con l’avvento della crinolina. Anch’esso capo di intimo, si tratta di quella struttura circolare e rigida (appunto perché in origine fatte di crine) che nell’ottocento gonfiava le gonne a dismisura, accentuando così la sottigliezza della vita di chi le indossava. Mamma della crinolina era stato il guardinfante, così chiamato perché pensato nei due secoli precedenti per difendere dagli urti l’addome delle donne incinte. Figlia della crinolina, invece, la tournure che, come la crinolina, siamo abituati a vedere in dipinti d’epoca o in pellicole in costume: questa la sottogonna rotondeggiante, capace di far gonfiare il fondoschiena delle signore al pari di un pallone.

Si deve al Novecento l’introduzione della lingerie femminile che ancora oggi s’indossa. Il reggiseno nasce da un esperimento di una signora newyorkese, Caresse Crosby, che crea una sorta di fazzoletto incrociato con nastri per sorreggere il petto. I corsetti, intanto, vengono visti come un retaggio del passato, mentre i mutandoni iniziano ad accorciarsi fino a diventare uno slip. 

Untitled design (26)

1920

I ruggenti anni 20 vedono la nascita della moda “Garçonne” che prediligeva un seno piccolo e una silhouette mascolina, più snella e dai fianchi stretti. Il reggiseno detronizza definitivamente il corsetto, fino a diventare addirittura una fascia pensata per nascondere al massimo il seno.

Untitled design (27)

1930

Il corsetto, ormai antiquato e decisamente soffocante, evolve pian piano in una guaina e i fratelli Warner introducono differenti taglie di coppa – dalla A alla E – e le spalline elastiche. La lingerie diventa più confortevole e discreta.

Untitled design (28)

1940

Dopo 10 anni di ricerca, il nylon fa finalmente la sua comparsa. Rivoluzionando in particolar modo il reggiseno, cambia radicalmente tutto l’universo della lingerie. Arrivato proprio al momento giusto – durante la seconda guerra mondiale – è efficace (unico, brillante, solido, si asciuga in fretta e si slabbra raramente) ed economico.

Untitled design (29)

1950

La moda Pin-Up riporta in auge le forme del corpo femminile. I reggiseni a balconcino e i guêpières evidenziano le curve dando ancora più importanza all’aspetto sensuale della lingerie. Seno abbondante, vita stretta e fianchi larghi diventano i nuovi canoni di bellezza.

Untitled design (34)

1960

Le autoreggenti tornano nell’ombra, con l’arrivo della minigonna è il momento dei collant. Gli anni ‘60 segnano l’arrivo dei colori e delle fantasie originali.

Untitled design (31)

1970

Maggio 1968: la rivoluzione sessuale, il femminismo e la presa di coscienza del proprio corpo hanno un ruolo non indifferente nella costante evoluzione della lingerie. Parallelamente ai reggiseni bruciati, però, la moda hippie riporta alla ribalta il pizzo. Donne, un eterno paradosso!

Untitled design (32)

1980

Il grande ritorno delle autoreggenti e dei reggicalze: agganciati a corsetti e guêpières diventano un potente simbolo di femminilità, erotismo e seduzione. Tra gli uomini, il reggicalze non è solo oggetto di fantasie erotiche, ma soprattutto di feticismo. La sensualità è mostrata senza tabù né limiti: i pezzi forti sono il tanga e le autoreggenti.

Untitled design (33)