Blog

Mag28

La storia del pigiama, dalla camera da letto a capo daywear

E’ il fedele compagno che ci accompagna ogni notte, tutti ma proprio tutti ne posseggono uno, indossandolo ha la grande capacità di farci sentire immediatamente a nostro agio, comodi e rilassati.

Stiamo parlando del pigiama, che è diventato quasi una sorta di divisa must-have durante questa quarantena.

Dopo averlo indossato tutti i giorni per 3 mesi non siete curiosi di conoscere l’origine, la storia e qualche curiosità su questo irrinunciabile indumento? Mettetevi comodi, mettete su il vostro pigiama preferito e continuate a leggere!

Pigiama Vintachic del 1960 e Sophia Loren

Il termine “pigiama” deriva dall’hindi pae jama, che letteralmente vuol dire “vestito per le gambe”: il completo tunica e pantaloni è infatti originario dell’antica Persia. Da qui è poi passato in India, dove ancora oggi rappresenta l’abbigliamento tradizionale di alcune regioni.

Con la colonizzazione dell’India da parte degli inglesi nel 1870 il pigiama venne adottato dagli anglosassoni come indumento da notte, andando a sostituire le vecchie camicione.

Questo completo di due pezzi, inizialmente era appannaggio dei soli uomini, a inizio secolo vennero cominciati ad usare pigiami anche per i bambini vista la loro incredibile praticità.

Pubblicità di pigiami per uomo e bambino fine 800\inizio 900

Negli 1910 lo stilista Paul Poiret già proponeva tra le sue scandalose e rivoluzionare creazioni dei veri pantaloni ampi, vagamente maschili, molto simili ai pigiami in auge a quel tempo, gettando un primo seme per la diffusione di questo indumento anche presso la popolazione femminile.

Occorrerà infatti attendere i ruggenti anni ’20 affinché le vere flapper girls, emancipate e trasgressive possano vestire questo capo, almeno in camera da letto.

C’è poi chi fa di più, è la leggendaria Coco Chanel che decide di indossare un completo simile al pigiama, composto da pantaloni larghi e un camicione, per la spiaggia.

Nacque così il “Beach pajama”, che destò gran scalpore tra i ben pensanti del tempo, ma questo non gli impedì di spopolare tra le ragazze più ardite.

Il “pigiama” Poiret e il Beach pajama Chanel

Pensate che la stazione balneare di Jean-le-Pin ad Antibes, dove Mademoiselle amava camminare con indosso i suoi pigiami di seta ornati da collane di perle, venne ribattezzata “Pyjamapolis“, visto che la gran parte dei suoi avventori erano soliti indossare pigiami secondo la moda Chanel, c’era addirittura chi portava per le vie della cittadina dei veri e propri pigiami da camera, con tanto di vestaglia.

“C’è una città in Francia, dove le estati iniziano all’inizio della primavera e finiscono alla fine dell’autunno”, scriveva il giornalista Robert de Beauplan nel 1931. “Lì, puoi vedere donne che indossano abiti strani. Stiamo parlando di Pyjamapolis.” Nello stesso anno, Vogue magazine suggeriva che: “Una donna dovrebbe indossare pigiami in cene abbastanza formali a casa sua, a cena a casa di altri in città o in campagna, se si conoscono bene, mentre le più giovani e iconoclaste lo portano anche a teatro”.

La moda del Beach Pajama negli anni ’20-’30

Infatti da lì a poco la moda dei pigiami esplode, facendo sì che il loro utilizzo non sia relegato solo alla spiaggia. Nel 1933 Daisy Fellowes, editor parigina di Harper’s Bazaar (oltre che erede della dinastia Singer) lancia una vera e propria moda ricevendo ad un party i blasonati ospiti della rivista in un pigiama di seta blu pavone.

A contribuire alla diffusione dei pigiami tra le signore pensò anche il cinema, nel film del 1934 “It Happened One Night”, vediamo l’attrice Claudette Colbert indossare con grande eleganza pigiami maschili.  Da allora il pigiama diventa un must per le dive dal grande schermo, da Greta Garbo a Joan Crawford.

Claudette Colbert, Greta Garbo, Joan Crawford, Billie Dove

Durante la seconda guerra mondiale la moda del pigiama svanisce, questo articolo viene surclassato in spiaggia dal costume da bagno, mentre in camera da letto è boom di sexy baby doll e negligé.

Nel 1960 il pigiama torna finalmente in auge grazie alla stilista Irene Galitzin, che per la sua collezione presentò completi costituiti da pantaloni e da casacche – con collo e polsi ricamati – in shantung di seta dai colori sgargianti. La fashion editor di Harper’s Bazaar Diana Vreeland entusiasta battezzò questo nuovo outfit come: “pyjama palazzo”.

Il pigiama palazzo conquista immediatamente le donne del jet-set internazionale. Jacqueline Kennedy in una lettera su carta intestata ‘White House’, scriveva queste parole all’amica Irene Galitzine: “Vorrei che ci potessi vedere, qui sembra di essere in convento, io, Jayne, Marella e Lee (ovvero Jayne Wrightsman, Marella Agnelli, e Lee Radziwill, sorella di Jackie, ndr) siamo ogni sera in uniforme”

Tre modelli Gatlitzine

Quella nuova uniforme cui allude Jackie, il pigiama palazzo, compare subito indosso anche ad altre dive dell’epoca come Liz Taylor, Audrey Hepburn, Claudia Cardinale, Monica Vitti e Soraya.

C’è poi, chi come Barbara Streisand nel 1969 per ritirare l’Oscar sceglie un pigiama tempestato di paillettes creato per lei da Arnold Scaasi.

Infatti nel corso degli anni ’70 diversi stilisti si cimentano a reinventare il Pigiama Palazzo secondo le tendenze del tempo, con frange e perline.

Emilio Pucci lo propone nella mitica stampa floreale, mentre il designer americano Halston in una versione più minimal in raso.

Nel frattempo prendono piede anche versioni unisex e etniche del pigiama, ispirate ai tradizionali modelli cinesi e vietnamiti, frequentemente indossati per comunicare idee politiche anti-conformiste.

Barbara Streisand, sottoveste Pucci Vintachic, Claudia Cardinale

Dagli anni Ottanta il pigiama sarà confinato tra le mura domestiche, mentre negli anni ‘90 torna alla ribalta. Dal video di Creep delle TLC, storico gruppo pop di quegli anni, fino alle varianti grunge a stampa scozzese o a quadretti, rese celebri da Jennifer Aniston in Friends, o da Kurt Cobain che, addirittura, si sposerà in pigiama.

Negli anni 2000, in particolare nel 2009 Dolce&Gabbana lo riportano in auge e creano quello che si può definire un outwear deluxe, sia per lui che per lei, di completi pigiama e vestaglia. Nel 2013 è poi la volta di Marc Jacobs, Gucci e Prada a portarli in passerella.

Dalle catwalk all’armadio delle celebrities il passo è stato ovviamente breve, sono tantissime le vip che ormai indossano il pigiama nel tempo libero, come sul red carpet, da Gigi Hadid a Olivia Palermo, passando per l’influencer Giulia Valentina.

Insomma dopo 100 anni dai primi tentativi possiamo finalmente decretare l’uscita del pigiama dalla camera da letto, per elevarsi a capo d’eccezione nel daywear di tutte!

Kurt Kobain, Dolce & Gabbana, Olivia Palermo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi